Cherry Pie agli amaretti

Cherry Pie con amaretti e mandorle

Quanta emozione all’arrivo di quel treno.

Aspettando sulla banchina, sempre in ritardo, guardando  se dal tunnel tu stessi arrivando.

Stamane il suo carico era più prezioso.

Una persona speciale portava in dono.

La luce mi si accese negli occhi quando ti vidi scendere dal treno.

Carico di pacchi, con lo sguardo stanco ma sereno.

Una pila traballante ti dondolava sul petto.

E io già fremevo al pensiero di quello che avrei scoperto e trovato dentro.

In mezzo a quei pacchi mi sarebbe piaciuto trovare anche questo.

Un dolce impacchettato in un’artigianale e casalinga carta da pane. Marrone, tutta stropicciata, racchiusa con uno spago tagliato e annodato a fiocchetto. Un dolce straripante di frutta, infuso del calore dei palmi che lo hanno impastato, farcito e infornato.

Una torta preparata da una lontana zia, Che lo cucina ogni volta che c’è un’importante ricorrenza.

E odora del suo giardino, dei suoi orti  e di quel profumo che metteva ogni volta che voleva sentirsi sicura entrando in una stanza.

La ricetta della ricorrenza. La ricetta della stagione.

Fra i miei appuntamenti stagionali non può mai mancare una Cherry Pie.

Penso che, oltre alla Foresta nera, pochi altri dolci riescano così bene ad esaltare l’intenso aroma delle ciliegie.

Quest’anno ho voluto preparare una nuova versione, che a dire il vero avevo già sperimentato con una crostata di mirtilli.

La particolarità di questa cherry pie è nella pasta che la racchiude, a base di farina di mais, per donarle una piacevole e singolare friabilità.

Insieme a un leggero strato di amaretti sbriciolati.

E’ uso comune utilizzare dei biscotti secchi per raccogliere il liquido emesso dalla frutta.

Con gli amaretti ho voluto aggiungere un nuovo sapore.  L’aroma di mandorla amara di questi ricchi biscotti si sposa assai bene con quello delle ciliegie.

Scopriamo quindi la ricetta della Cherry Pie agli amaretti.

Ingredienti per uno stampo a cerniera da 18 cm. :

  • 450 gr. ciliegie morette da snocciolare e tagliare a metà
  • 30 gr. zucchero semolato
  • 8 gr. fecola
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 cucchiai di amaretti sbriciolati (sui 25 gr.)
  • poca vaniglia in polvere
  • 1 tuorlo d’uovo, battuto con 1 cucchiaio di acqua
  • circa ½ cucchiaio abbondante di zucchero semolato, per rifinire la torta

Per la base :

  • 75 gr. farina di mais (fumetto, ossia macinata molto fine)
  • 90 gr. farina 00
  • un generoso pizzico di sale
  • 35 gr. zucchero semolato
  • 75 gr. burro
  • 1 uovo (45 gr.)
  • un pizzico di vaniglia in polvere
  • buccia di limone
  • un pizzico di lievito vanigliato per dolci
  • mandorle a filetti per decorare il bordo della torta

PREPARAZIONE

Per la base

Setacciare la farina gialla e la 00 con il lievito e il sale. Unirvi la vaniglia e la buccia di limone.

Impastare con la punta delle dita assieme al burro, sino ad ottenere un composto sbriciolato.

Fare una fontana . Al centro versarvi lo zucchero e l’uovo e  amalgamare velocemente, sino ad avere un composto perfettamente omogeneo.

Dividere l’impasto in due parti (una più grande dell’altra, all’incirca 2/3 e 1/3).

Schiacciare in modo da ottenere due dischi, avvolgerli singolarmente con pellicola trasparente e far riposare per un’ora frigorifero.

Per la cottura

Preriscaldare il forno a 200°C., con la teglia posizionata nella parte più bassa.

Su un disco di carta da forno infarinata, stendere la porzione di pasta più grande e foderare base e bordi dello stampo, pareggiando bene lungo gli stessi bordi.

Bucherellare la base con una forchetta e mettere in frigorifero per mezz’ora.

Stendere anche l’altro disco di pasta e ricavare dei piccoli cerchi di differenti dimensioni (utilizzare dei piccoli cerchietti coppapasta). Mettere anch’essi in frigorifero, su un foglio di carta forno.

In una ciotola, mescolare le ciliegie private di picciolo e nocciolo e divise a metà con lo zucchero semolato, la fecola, gli aromi e il succo di limone. Ricoprire la base della torta con i biscotti pestati finemente e ricoprire con le ciliegie.

Disporre disordinatamente sul dolce i cerchi di impasto, saldandoli lungo i bordi dello stampo, così da avere un cornicione uniforme. Spennellare  con l’uovo sbattuto e cospargere di zucchero. Decorare i bordi della circonferenza con i filetti di mandorle.

Cuocere la torta in forno già caldo per circa 60 minuti  (io ne ho fatti una decina in più alzando la torta di una tacca, per far prendere meglio colore in superficie).

Togliere dal forno e far intiepidire per una decina di minuti prima di sformare e far raffreddare completamente su una gratella.

I miei consigli

Quali ciliegie consiglio per la Cherry Pie agli amaretti ?

Non ho dubbi, le ciliegie di Vignola la renderanno davvero memorabile

 

Se vi è piaciuta la Cherry Pie agli amaretti e vi piace usare le ciliegie anche in piatti salati, date un’occhiata a questi tomini fritti con insalata di ciliegie. Un gustosissimo secondo piatto leggero o uno sfizioso antipasto, perfetto per l’estate.

 

2 commenti su “Cherry Pie agli amaretti

  1. Carissima scrittrice, sembra l’inizio di un bel libro da leggere per favorire il relax dopo una dura giornata lavorativa e, in più, trovi anche l’ottimo sostentamento gastronomico. Insomma cibo per l’anima e cibo per il corpo, sono accontentati entrambi. Bella accoppiata Emanuela, brava.

    1. Troppe belle parole, poi mi monto la testa. Ove possibile è meraviglioso sfamare tutti gli istinti, e lati umani. Lieta di riuscire nell’intento. Provo grandissimo piacere nel farlo. Grazie infinitamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.