Kipferl alle nocciole

Kipferl alla nocciola

Mi ricordo di te, della luce che emani.

Del brillare dei tuoi occhi, che hanno acceso l’intera stanza.

De tuo incedere sicuro, e al tempo stesso rallentato.

Del tuo sorridere a un mondo che non sempre ti ha accettato.

Ma qualcuno ti ha amato.

I biscotti sono per me una delle rappresentazione di amore casalingo più forti e appaganti.

Impastare, modellare e dare forma, pensando alle persone a cui è destinata la preparazione è una delle forme più pure di nutrimento e amore.

E in un biscotto trova la sua libera forma e espressione.

I kipferl sono dei biscotti di origine austriaca e dalla storia molto antica. Si narra che siano stati preparati per festeggiare la fine dell’invasione turca del 1643. Questo spiega la loro forma a mezzaluna. E pare siano stati gli antenati dei celeberrimi croissant, sviluppati in Francia.

Questi kipferl si differenziano dagli originali per la presenza delle nocciole al posto delle mandorle, proprio come li ho assaggiati come accompagnamento al caffè in un ristorante in Slovenia durante la mia ultima vacanza-razzo (se vi interessa è il Gostilna Pri Lojzetu … davvero consigliatissimo per una cena in grado di uscire dai soliti canoni, garantendo divertimento e grandi piatti).

Ingredienti per circa 35 biscotti :

  • 120 gr. farina 00
  • 100 gr. burro
  • 60 gr. farina di nocciole
  • 60 gr. zucchero semolato
  • 1 tuorlo d’uovo
  • un pizzico di sale
  • la punta di un cucchiaino di lievito vanigliato per dolci
  • vaniglia in polvere
  • zucchero a velo per rifinire

PREPARAZIONE

In una ciotola, mescolare brevemente con le fruste elettriche il burro per renderlo cremoso; amalgamarvi lo zucchero, sempre continuando a mescolare. Unire il tuorlo d’uovo e amalgamare.

Aggiungere il sale e la vaniglia.

Poi ultimo incorporare la farina setacciata con il lievito e quella di nocciole. Fare una palla, avvolgerla con pellicola e lasciar riposare in frigorifero per due orette.

Con il composto ricavare 35 palline da 10 gr. l’una, stenderle ottenendo dei serpentelli con le code un po’ più sottili.

Metterli su due teglie ricoperte con carta forno, dando loro una forma di mezza luna.

Rimettere le teglie in frigorifero per 45 minuti.

Scaldare il forno a 180°C e cuocere una teglia per volta (se ne otterranno due) per 10-12 minuti.

Questo tipo di biscotti non deve prendere troppo colore.

Togliere la teglia dal forno e aspettare cinque minuti prima di sistemare i biscotti su una gratella a raffreddare.

Quando saranno freddi, spolverarli di zucchero a velo setacciato e poi riporli in una scatola chiusa.

 

Se vi sono piaciuti i kipferl alla nocciola, provate i Sablée alle mandorle. Pura delizia.

 

2 commenti su “Kipferl alle nocciole

    1. Grazie. Sono fortunata io, ad avere chi è per me fonte di sostegno, incitamento e ispirazione. È importantissimo avere a fianco persone che credono in noi, in quello che facciamo e che amano ciò che siamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.