Panzerotti con cime di rapa, provolone e coppa arrosto

panzerotti con cime di rapa e provolone
Il nome non è una definizione.

Un nome mi è stato dato. Ma quanto mi appartiene ?

Uno me lo sono scelta. Ma quanto mi rappresenta ?

Raccogliere il tutto in una definizione … richiudere un concetto, un sapore, un’emozione, una debita e lecita esistenza in una parola, una frase, o in innumerevoli pagine non è semplice. E inizio a dubitare che sia umanamente fattibile.

Troppe parti compongono, ognuna con un colore definito, fino a quando non cambia la luce che la illumina.

Un sapore dipende da tutto quello che c’è stato prima.

Un’idea è viziata dai confini costruiti in una vita.

Il nome non è altro che un aggettivo.

Questi panzerotti  quindi non definiteli street food, perché ho sentito che si possono  giustamente offendere. E rispondere in modo particolarmente indignato.

Riduttivo ricondurli a un luogo, un’occasione o un singolo momento.

Legati a un concetto di fretta, di estemporaneità, o di necessità.

Meritano la calma di un tavolo. La rilassatezza del godimento. Il piacere della lenta fruibilità. Pianificata, prevista e agognata.

Raccolta fino all’ultima dignitosissima briciola.

La ricetta di questi panzerotti è davvero semplice.

L’impasto è fatto di farina di grano tenero e semola. Per rendere la fase di impasto più veloce, consiglio vivamente di utilizzare una planetaria. Ma se si vuole fare un po’ di esercizio, affidatevi alla forza delle vostre braccia.

Il ripieno è poi composto da coppa arrostita, un salume molto simile alla porchetta, ma più magro. Giusto per risparmiare qualche caloria e sentirsi un po’ meno in colpa …

E infine un mix di cime di rapa ripassate e poi unite a ricotta di bufala e provolone. Un’espolsione di gusto e sapore.

Un solo consiglio : è possibile cuocere i panzerotti anche in forno, ma il risultato cambia notevolmente e non in modo positivo. La frittura li rende croccanti fuori, ma non secchi. Mantengono la giusta umidità. In fondo … non esiste il paradiso a metà … c’è solo il purgatorio !

Ingredienti per 6 panzerotti

Per l’impasto :

  • 150 gr. di farina 00
  • 100 gr. semola rimacinata
  • 10 gr. olio e.v.o.
  • 7 gr. sale
  • 1/2 bustina di lievito di birra liofilizzato
  • 1 cucchiaino zucchero
  • 75 gr. latte
  • 75 gr. acqua tiepida
  • olio di semi di arachide per friggere

Per il ripieno :

  • una confezione da 1 kg. cime di rapa
  • 100 gr. ricotta di bufala
  • 75 gr. provolone
  • 100 gr. coppa arrosto
  • sale e pepe
  • peperoncino in fiocchi
  • aglio
  • olio e.v.o.

PREPARAZIONE

Per il ripieno

Lavare le cime ricavando le foglie e sbollentarle in acqua bollente salata.

Scolarle e farle raffreddare.

Strizzarle per bene e tagliuzzarle.

Ripassarle in padella con l’aglio, l’olio e poco peperoncino. Eliminare l’aglio, togliere dal fuoco e farle raffreddare.

Mescolare alla ricotta. Unirvi il provolone grattugiato grossolanamente. Regolare di sapore.

Per l’impasto

Fare una fontana con le farine setacciate, al centro mettere il lievito, lo zucchero, l’acqua e il latte tiepidi. Mescolare con un po’ di farina prima di unire l’olio e poi il sale.

Amalgamare bene e poi impastare per 10 minuti circa.

Fare una palla e metterla a lievitare al tiepido per due ore in una ciotola, dopo aver fatto un taglio a croce, e coperto con pellicola trasparente e un telo.

Dividere l’impasto in 6 parti di uguale peso, farne delle palline, rotolando l’impasto sotto il palmo della mano sull’asse e farle riposare per altre due ore, coperte con un telo.

Stendere le palline in dischi di circa 16 cm. di diametro.

Farcirli con il composto di erbe e la coppa spezzettata. Spennellare i bordi di acqua.

Chiudere bene i panzerotti, sigillando perfettamente i bordi. Friggere in abbondante olio di semi di arachide.

Scolare su carta assorbente e servire.

 

Trucchetti in cucina

Per far riposare l’impasto in un luogo tiepido, scaldate una tazza di acqua in forno a microonde per due minuti. Poi mettetela in un angolo in fondo. Disporre al centro la ciotola, ricoperta con pellicola trasparente e un telo, per mantenerla al buio. Chiudete e non riaprite per due ore.

In fase di frittura, consiglio di cuocere due panzerotti per volta, rigirandoli, in modo da farli colorire da entrambe le parti.

 

Se amate le cime di rapa, non potete perdere la ricetta di questa pasta con pancetta croccante e provolone .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.