Spaghetti con cavoli, guanciale e pecorino

Spaghetti con cavoli, guanciale e pecorino

Oggi non vi racconto come è nato questo piatto di spaghetti.

In un secondo potrei distruggere il lavoro di anni … tutta la dedizione,  l’impegno e  lo sguardo severo usato nel costruire un’immagine di persona precisa e ordinata.

Che segue sempre un filo ben predefinito … che sa sempre quello che vuole fare. Da dove partire. E dove arrivare  ( io … che mi perdo in un bicchiere di soda).

A dire il vero i punti di arrivo mi sono sempre piuttosto precisi … mi perdo forse sulla partenza. Tanto per dire …

Ma andiamo per ordine.

Nelle ultime settimane hanno attirato la mia attenzione immagini di paste dall’aspetto molto “healthy” …

Colori vivaci, sprizzanti benessere e salute, illuminati da abbaglianti colori fluo. Difficile non rimanerne affascinati… o allucinati …

Poi ho letto un articolo su quella che è forse una delle paste più conosciute in America, anche se in Italia quasi nessuno sa che cosa sia (i soliti misteri e miti culinari) … mi riferisco alla pasta all’Alfredo (per intenderci, delle fettuccine condite con una salsa a base di panna, formaggio e aglio … più o meno).

Così … come al solito, ho mescolato le due cose …

Ho preparato una pasta dai principi totalmente healthy : quindi abbondanti cavoletti, che arrostiti in forno sono una meraviglia per gusto e consistenza.

Broccoli, in due versioni : il gambo nella salsa e i ciuffi croccanti ripassati in padella.

Nocciole e guanciale …come se fossi un cinghiale.  Anche il bosco ha il suo appeal e la sua atmosfere molto naturali mi riportano a un’idea di salute … anche se lontanissima !

Infine una cremosa salsa con panna (poca) e pecorino .. abbondante !

Alla fine non saprei dire se è più healthy o più goduriosa … ma la sua magia forse è proprio questa !

Ingredienti per 2 persone :

  • 200 gr. spaghetti
  • 300 gr. cavoletti Bruxelles
  • ½ broccolo (gambo e cime separate)
  • 60 gr. guanciale
  • qualche nocciola tostata tritata al coltello
  • 60 gr. gr. panna fresca
  • 50 gr. gr. pecorino sardo semistagionato
  • parmigiano reggiano grattugiato
  • 1 scalogno tritato finemente
  • ¾ tazzina di vino bianco secco
  • aglio
  • noce moscata
  • paprika
  • chili
  • salvia
  • prezzemolo
  • sale e pepe
  • burro e olio e.v.o.

PREPARAZIONE

Tagliare a dadini il guanciale e rosolarlo senza altri condimenti, in una padella (se volete, al termine potete profumarlo con poca paprika). Scolarlo quando è croccante. Farlo raffreddare e tritarlo al coltello ripulire la padella.

Pulire e affettare sottilmente i cavoletti e metterli su una teglia ricoperta con carta forno e strofinata di aglio.
Condirli con paprika dolce e affumicata, peperoncino, chili in polvere, sale, pepe e olio e.v.o.. Cospargere con poco parmigiano e far gratinare in forno caldo a 190°C (circa 20 minuti).

Sbianchire le cimette di broccolo in acqua bollente salata (per circa 4 minuti). Scolarle e raffreddarle in acqua e ghiaccio.

Lessare il gambo pulito e tagliato a pezzi.

Brasare lo scalogno tritato finemente con uno spicchio di aglio intero, un filo di olio e una nocina di burro. Unire il gambo del broccolo e farlo insaporire.
Sfumare con il vino bianco e far evaporare. Aggiungere la panna e la salvia e far restringere. Al termine regolare di sale e pepe, profumare con poca noce moscata grattugiata. Eliminare la salvia e l’aglio. Frullare e passare al setaccio. Regolare di sale e pepe.

Nella padella di cottura del guanciale, ripassare le cime di broccolo affettate con olio, aglio e peperoncino. Profumare con poca paprika (dolce e affumicata). Regolare al termine di sale e pepe e unire poco prezzemolo tritato. Eliminare l’aglio

Lessare la pasta in acqua salata.

Scaldare la salsa, bagnando con qualche cucchiaio di acqua di cottura. Unire il guanciale, i cavoletti e i broccoli, tenendone qualcuno da parte per la decorazione finale.

Scolare la pasta al dente e ripassarla in padella. Aggiungere le nocciole e il pecorino e mantecare.

Servire la pasta in piatti individuali rifinendo con il guanciale tritato, i cavoletti, i broccoli e qualche scaglia di formaggio.

 

Se non volete perdervi nessuno degli ultimi sapori invernali, date un’occhiata a questa pasta con cime di rapa, pancetta e provolone .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.