Canederli di rapa rossa con fonduta di erborinato di capra

Conoscete i canederli ?

Sono dei meravigliosi gnocchi di pane altoatesini, che possono essere serviti in brodo o asciutti.

Ogni volta che vado sulle Alpi, non resisto dal prenderne un piatto. Mi piace mangiarli tradizionali, fatti di pane. Con speck, scalogno, prezzemolo e formaggio.

Ma ovviamente amo anche le versioni alternative. Soprattutto se diventano colorate. Anzi … coloratissime. Di magenta dipinte.

E la barbabietola si presta benissimo a tal scopo !!

La ricetta è davvero di facile esecuzione. Basta lessare delle rape rosse (o prendere quelle già lessate e sottovuoto … a volte lo faccio).

Frullarle con il pane ammollato, mescolare tutti gli ingredienti e far riposare il composto prima di cuocere i canederli. Così si compatta l’impasto e si evitano disastri e disfatte in fase di cottura.

Unica nota : è importante che il pane sia raffermo, sia per la tenuta, che per la giusta e piacevole consistenza. Ho provato invano a farli con del pane forzatamente tostato in forno per farlo asciugare, ma non è la stessa cosa. Meglio evitare.

Questi canederli non sono serviti in brodo, ma accompagnati a una salsa a base di erborinato di capra che contrasta benissimo l’aroma dolce delle barbabietole.

E rende indiscutibilmente questo piatto uno dei miei preferiti dell’anno. E ormai siamo quasi al termine.

Ecco la ricetta !

Ingredienti per 2 persone :

Per i canederli :
  • 150 grammi pane raffermo
  • 200 grammi barbabietola rossa cotta, privata della pelle
  • 1 scalogno
  • 50 gr. latte per ammollare il pane
  • 12 gr. farina 00
  • 20 gr. grana grattugiato
  • 1 uovo
  • burro
  • olio e.v.o.
  • sale e pepe
  • noce moscata
  • timo
  • brodo vegetale per cuocere i canederli
Per la salsa :
  • 50 gr. panna fresca
  • 100 gr. erborinato di capra
  • 1 o 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale e pepe
  • noce moscata grattugiata

PREPARAZIONE

Per i canederli

Brasare lo scalogno tritato finemente con un rametto di timo, un filo di olio e una nocina di burro. Ammollare il pane nel latte per farlo ammorbidire. Frullarlo con la barbabietola, usando un mixer, in modo da ottenere un composto omogeneo. Unirvi lo scalogno. Aggiungere la farina, il formaggio e l’uovo. Regolare di sale e pepe. Amalgamare bene e far riposare in frigorifero per almeno due ore.

Ricavare quindi delle palline dalla forma allungata (circa 12-14 canederli). Cuocerli nel brodo riscaldato per circa 8 minuti, sino a quando saranno abbastanza morbidi, ma ancora consistenti. Scolarli e disporli in una teglia imburrata. Cospargerle con poco formaggio grattugiato e burro sciolto.  Far gratinare in forno per una decina di minuti a 190°C.

Per la fonduta

Nel frattempo sciogliere il formaggio nella panna, regolando di sapore. Frullare con un minipimer per ottenere una salsa omogenea e vellutata.
Servire come base la fonduta e sopra disporvi i canederli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.