Cappellacci con formaggio Moliterno al tartufo

A volte basta poco per cambiare colore a una giornata.
Alzarsi e sentire una canzone che non udivamo da tempo, ma che amavamo
Incontrare il sorriso e l’abbraccio di una persona amica.
Augurarsi buona giornata con la persona amata, prima di partire ognuno per la propria strada.
O aiutare una piccola lucertola, rimasta intrappolata nell’atrio di casa, a ritrovare la strada verso il sole.
Piccole cose, quotidianità, che vanno a popolare ogni giorno della nostra vita. Riempiendo settimane, poi mesi ed anni. In un susseguirsi di piccoli gesti, momenti, storie che diventeranno le pagine della nostra esistenza, intrecciandosi con le vite altrui.
Tutto puo’ essere importante: aiutare un piccolo animale, avere piccole attenzioni verso gli altri, ma pure verso noi stessi.
E fare quello che ci fa stare meglio. Non stancandosi mai di cercare la bellezza.
Anche in un semplicissimo raviolo.

La ricetta

Per questi cappellacci ho preparato una pasta all’uovo insaporita con funghi porcini secchi. Prepararla è facilissimo. Basta spazzolare i funghi e tritarli finemente in un macina caffè, sino ad ottenere una polvere. In alternativa, si possono ammollare in acqua. Quindi strizzare bene e e poi frullarli con un minipimer insieme alle uova.

Il ripieno è molto veloce da preparare : ricotta mista (quindi mucca e pecora, per avere una consistenza non troppo umida, ma ugualmente saporita) e Moliterno, che è un formaggio pecorino a pasta semidura, in questo caso insaporito al tartufo nero.

Per il condimento ho scelto la semplicità  : burro sciolto  e insaporito con erbe aromatiche fresche e poco fondo di manzo (o brodo di carne un po’ ristretto).

Ingredienti per 4 persone

La pasta ai funghi :

  • 2 uova e 1 tuorlo per pasta
  • 150 gr. farina 1
  • 40 gr. semola
  • sale
  • un filo di olio e.v.o.
  • una presina di porcini secchi (5 gr.)

Il ripieno :

  • 80 gr. moliterno al tartufo
  • 300 gr. ricotta mista
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
  • sale e pepe
  • noce moscata

Per il condimento :

  • burro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia
  • due rametti di timo
  • parmigiano
  • poco fondo di carne

PREPARAZIONE

Per la pasta : fare una fontana con le farine. Unirvi la polvere di funghi.  Poi versare al centro della fontana le uova, ed unirvi l’olio ed il sale. Impastare sino ad ottenere un composto omogeneo (aggiungete altra farina se occorre). Fare una palla, avvolgere con pellicola e far riposare in frigorifero per almeno mezza giornata.
Per il ripieno : mescolare la ricotta con il moliterno grattugiato, un pizzico di noce moscata grattugiata, il parmigiano, sale e pepe.
Stendere la pasta e farcirla con il ripieno. Ricavare dei ravioli, dei tortelli o cappellacci, chiudendoli secondo il proprio gusto. Consigli di fari abbastanza grandi, vista la rusticità del ripieno e del sapore.
Per il condimento : scaldare il fondo con le erbe aromatiche, facendolo ridurre se necessario. Emulsionare con una noce di burro.  Pepare leggermente
Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolare i cappellacci e farli saltare in padella con il condimento, mantecando con del parmigiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.