Maccheroncini di Campofilone con porcini, tartufo e fondutina di provola affumicata

Certi sapori li ho nella pancia, cioè .. nella testa. E quindi mi si ripropongono a date quasi fisse .. come uno scadenziario … arrivata ad ottobre proporrei instancabilmente funghi e tartufo …. ma che noia però …
E così, per vivacizzare, ma soprattutto per darmi una bella scusante (ma quanto sono brava a raccontarmele …) ho pensato di aggiungere un ingrediente inaspettato, una sorpresa, quella cosa a cui non avrei mai pensato, una variante mai provata : il sapore di affumicato. 
Che scoperta … l’acqua calda … 
Così ….  provola sia !!! Ma affumicata però.
Posso definirla solo in un modo : una gustosissima sorpresa. Grande entusiasmo … sommo gaudio .. tutto per un piatto di maccheroncini .. ma intanto lo sapete che sono sempre di parte ….

Ingredienti per 2 persone : 120 gr. maccheroncini – 20 gr. funghi secchi – 80 gr. provola affumicata – 80 gr. latte – poca maizena – sale e pepe – noce moscata – burro e olio e.v.o.  – aglio e scalogno – marsala secco – timo, salvia, rosmarino e prezzemolo – carpaccio di tartufo  – brodo

PREPARAZIONE
Tagliare a dadini il formaggio e metterlo a bagno con il latte. Farlo quindi fondere a fuoco basso, unendo anche la maizena sciolta in poco latte freddo. Regolare di sale e pepe.
Ammollare i funghi secchi in acqua tiepida.
Brasare lo scalogno tritato finemente con l’olio e una nocina di burro, insieme all’aglio intero. Scolare i funghi e tagliuzzarli. Farli insaporire nel soffritto, unendo anche gli aromi racchiusi in una garza. Sfumare con il vino e farlo evaporare. Salare e profumare con poca noce moscata. Portare a cottura bagnando con il brodo (o l’acqua di ammollo dei funghi filtrata).
Al termine regolare di sale e pepe (a piacere, unire qualche goccia di olio al tartufo). Eliminare gli aromi e unire del prezzemolo tritato.
Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla al dente e ripassarla in padella con i funghi, unendo anche la salsa al formaggio. Rifinire con il carpaccio di tartufo e servire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *