Barrette al cocco, uvetta, mandorle e arancia candita

Questa settimana ho voluto preparare qualcosa di diverso dai biscotti (intanto che il forno va per il pane, non sarà di certo una mezz’oretta in più a stravolgere la situazione), e così mi sono orientata “concettualmente” verso i bars.
Alla fine dei bars veri e propri propri è rimasta solo la forma, quella appunto a barretta (ma voi, armate di coltello come ho fatto io, potete scegliere la forma che desiderate), l’impasto invece è quello di una tortina non troppo morbida, e neppure secca che può essere tagliata a tronchetti e mangiata nel corso di una settimana.
L’impasto è arricchito con farina di cocco, mandorle, uvetta e arancia candita e profumato delicatamente con l’acqua di fiori di arancio.
Questi sentori esotici mi fanno capire che urge sempre di più la necessità di una vacanza …. ma forse si era già intuito qualcosa dall’intestazione ??

Ingredienti per una teglietta di 20×20 cm. : 180 gr. farina 00 – 20 gr. fecola – 1/2 cucchiaino lievito in polvere – 50 gr. burro morbido – 1 uovo magnum – 80 gr. zucchero semolato – 50 gr. uvetta – 15 gr. arancia candita tritata grossolanamente al coltello – 30 gr. di farina di cocco – un pizzico di sale – 1 cucchiaino acqua di fiori di arancio – 1 cucchiaio rhum – – 25 gr. mandorle, da pelare, tostare e tritare grossolanamente al coltello – 1 cucchiaio di latte facoltativo //// zucchero a velo per spolverare (se volete anche farina di cocco)

Procedimento
Preriscaldare il forno a 180 °.
Imburrate la teglia e ricopritela di carta forno.
In una terrina montate il burro con lo zucchero. Quindi aggiungete l’uovo. Continuate a montare.
A questo punto unite, mescolando con un cucchiaio, la farina setacciata con la fecola, il lievito ed il sale.
Mescolate sino ad ottenere in composto omogeneo. Aggiungete il rhum e l’acqua di fiori di arancio.
Quindi unite i canditi e l’uvetta, le mandorle e la farina di cocco. Mescolare ancora, sino ad ottenere un composto omogeneo.
Se l’impasto fosse troppo asciutto, aggiungete un cucchiaio di latte.
Distribuite l’impasto nella teglia e pareggiatelo per bene.
Cuocere in forno caldo per circa 30 minuti.
Fate raffreddare su griglia per 5 minuti, prima di tagliarlo a piccoli rettangoli.
Una volta che il dolce si è completamente raffreddato, spolveratelo con zucchero a velo setacciato.

0 commenti su “Barrette al cocco, uvetta, mandorle e arancia candita

  1. Si ormai la voglia di vacanze si fa impertinente e si riversa in tutto quello che faccio…mi piace questo tocco esotico, sisisisisi…mi piace!

  2. Ma che bontà questi dolcetti, complimenti.

    Se ti va fai un salto da me, mi farebbe piacere!

    Un bacio.

    P.S. E' da un pò che seguo il tuo blog, mi piace molto.

  3. ciao Forchettina! E' la prima volta che lascio un commento qui, e sono ben contenta di lasciarlo su una delle tante tue ricette che mi piacciono: adoro le torte, tagliate così poi non so perchè ma mi invogliano di più. La frutta secca la adoro in qualsiasi stagione e, anche se dici che si conservano per un po' non credo che le farei durare tanto, credimi!

  4. Più che delle barrette, ci sembrano delle morbide e ricche tortine, davvero gustose e delicate!
    gli ingredienti ci piacciono tutti…che dici, passiamo per la merenda??
    un bacione

  5. Che buone queste barrette!! Perfette per ogni momento della giornata!

    C'é un goloso Giveaway da me, passa se ti va di partecipare!! Buon week-end! 🙂

  6. Ma lo sai che anche io sto usando il forno più in questo periodo che in inverno?! Sarà che in palestra causa cervicale adesso non posso andare e rientrando a casa 2 ore prima in cucina sono molto più produttiva…Anche stasera i suoi 50 minuti di funzione non glieli ha risparmiati nessuno!E cmq con questa barretta "alternativa" mi è arrivata una ventata di sole e di terre esotiche! I like it ;-)!Un bacione
    ps. Cmq mi devi spiegare come fanno a durare una settimana…A me al massimo 3 giorni 😉

  7. ahahah Forchettina bella, mi sa che l'intestazione dice tutto! 🙂 …resistiii, vedrai che le vacanze arrivano presto 🙂 pure io non riesco a tenere il forno spento nonostante le temperature…ma i bars non li conoscevo!se poi di quelli è rimasta solo la forma, la sostanza mi sembra davvero golosa 🙂 ne rubo uno!due và 😀 ti abbraccio!

  8. Ho sempre avuto un debole per il dolce… le temperature sono dalla mia parte visto che il forno acceso ci sta benissimo peccato che la bilancia dice tutt'altro :(( Adoro il cocco e con quel tocco profumato di fiori di arancio deve essere un'accoppiata vincente!
    baci

  9. ciao sono Elena, complimenti per il tuo blog, è molto bello e le tue ricette squisitissime, mi sono unita tra i tuoi sostenitori e se ti fa piacere vieni a visitare il mio blog. ciao

  10. grazie a tutti per i vostri commenti. Prometto che d'ora in poi sarò molto più presente !!!!!

    ilcucchiaiodoro : grazie cara, non c'è male. Ho avuto un pò di impegni, alcuni piacevoli, ed altri meno … comunque adesso va un pò meglio !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.