Involtini di pasta fillo ripieni di baccalà e carciofi con crema acidula di cipollotti e acciughe

Ecco un’altra nuova esperienza. Avevo già assaggiato la pasta fillo in passato, ma non avevo mai provato a cucinarla. Sono sempre un pò restia a prendere gli impasti già fatti, ma pretendere di fare anche questo in casa è decisamente troppo.. anche per una pesante “integralista” come me !!!
E quindi mi sono dovuta arrendere all’evidenza : prenderla nel banco frigo e provare ad usarla.
Per questo primo esperimento, ho provato a cuocerla in forno, ma in futuro sperimenterò anche la frittura.
In questo caso ho preferito friggere delle fettine sottilissime di carciofi, e foglie di prezzemolo, che fritte diventano croccantissime … ma attenti agli schizzi … diciamo che tendono a friggere con il botto !!!!
Il piatto è abbastanza “fusion”, anche se richiama sapori tradizionali : innanzitutto la purea di baccalà e patate, arricchita dai carciofi e lievemente profumata allo zenzero. e poi la salsa acidula richiama in qualche modo il principio del saor, che con il fritto si sposa benissimo. Che dire … decisamente sfizioso !!!

Anche con questa ricetta partecipo alla raccolta di Matrioska’s Adventures .

Ingredienti per 2 persone : 2 carciofi – 100 gr. di baccalà dissalato e già pulito – 90 gr. patata gialla già lessata, pelata e passata allo schiacciapatate – radice di zenzero fresco e in polvere – 1/2 spicchio di aglio in camicia – prezzemolo – olio ev.o. – 1 foglio di pasta phillo – brodo vegetale
Per la salsa acidula : 130 gr. cipollotti bianchi già puliti (o cipolla bianca novella) – 20 gr. aceto bianco – due pizzichi zucchero semolato (q.b.) – 1 filetto di acciuga sott’olio – sale – pepe nero – olio e.v.o. – 1 piccola foglia di alloro – brodo vegetale
Per decorare : il mezzo carciofo tenuto da parte – qualche foglia di prezzemolo – semola – olio di semi di arachide – sale fino

Procedimento
Per l’olio allo zenzero : pelate una piccola radice di zenzero, pesatene 10 gr. e affettatela a rondelle abbastaza sottili e unitele ad uno/due cucchiai di olio e.v.o. leggero. Scaldate leggermente l’olio (io utilizzo il forno a microonde) e lasciate in infusione per un giorno.
Il giorno seguente filtrate l’olio aromatizzato.
Per la salsa ai cipollotti : brasate dolcemente i cipollotti affettati sottilmente con un filo di olio e.v.o e una piccola foglia di alloro.
Quando si saranno ammorbiditi (circa 10/15 minuti), sfumate con l’aceto e fatelo un pò evaporare. Quindi unitevi l’acciuga e fatela sciogliere completamente. Coprite a filo con brodo vegetale, aggiungete due pizzichi di zucchero (poi vi regolerete in base al grado di acidità dell’aceto) e cuocete per una ventina di minuti.
Al termine regolate di sale e pepe (ed eventualmente zucchero). Frullate il composto e passatelo al setaccio.
Lessate la patata con la buccia partendo da acqua fredda e leggermente salata. Quando sarà ben cotta, scolatela, spellatela e passatela ottenendo una purea. Pesatene 90 gr.
Cuocete a vapore il baccalà, già privato delle lische e della pelle, per 8-10 minuti. Quindi schiacciatelo per bene usando un cucchiaio, così da ridurre anch’esso in purea.
Pulite i due carciofi, tagliatene uno e mezzo a fettine sottili (la parte restante verrà fritta a parte) e mettete tutto a bagno in acqua acidulata con succo di limone.
Asciugate le fettine di carciofo e spadellatele in una padella con olio e.v.o. e aglio. Regolate di sale e bagnate con un mestolino di brodo vegetale. Cuocete per 5 minuti (si devono intenerire, mantenendo comunque la loro consistenza). Al termine eliminate l’aglio e pepate.
Amalgamate patate, baccalà e carciofi, profumate con un pizzico di zenzero macinato e regolate di sale e pepe ed unite un pizzico di prezzemolo tritato; fate riposare in una ciotola strofinata di aglio.
Ritagliate dei rettangoli dalla pasta fillo, oliateli leggermente con l’olio allo zenzero e riempiteli con il composto (ne otterrere 6).
Richiudeteli arrotolandoli ad involtino. Oliateli ancora e disponeteli su una teglia coperta con carta forno.
Cuoceteli in forno caldo a 180° per circa 15 minuti
Asciugate per bene i carciofi tenuti da parte, affettateli molto sottilmente e passateli nella semola; friggeteli in abbondante olio di semi di arachide caldo, scolateli ed asciugateli su carta assorbente. Friggete nello stesso olio anche le foglie di prezzemolo (attenzione agli schizzi, contiene acqua). Teneteli in caldo nel forno.
Servite gli involtini accompagnandoli con la salsa acidula di cipollotti e rifinite con i carciofi salati e le foglie di prezzemolo fritte.

0 commenti su “Involtini di pasta fillo ripieni di baccalà e carciofi con crema acidula di cipollotti e acciughe

  1. …e un inchino!
    sono il primo (di una lunga serie) a farti i complimenti per questo piatto: sei riuscita a fondere la tradizione del baccalà con un tocco etnico veramente innovativo, e che colpo d'occhio!
    brava ancora e sempre originale, a presto matteo

  2. Ciao, noi abbiamo scopreto la phillo da qualche anno e non ci dispiace, ecco io(silvia) la preferisco in forno, Manuela invece fritta…la cottura al microone con funzione crisp mette d'accordo entrambe.
    Particolare la farica di questi involtini: baccalà e carciofi è davvero un buon connubio e la salsina ci sta davvero ah hoc.
    complimenti per l'esperimento.
    baci baci

  3. questo piatto mi piace moltissimo! è presentato molto bene, ha un bel mix di sapori equilibrati, è originle… per il pranzo della domenica mi autoinvito eh!? 😀

  4. ma sai che ancora la pasta fillo non l'ho trovata, al super!?grrr che rabbia ho una voglia matta di cucinarla e niente!
    Mi accontenterò di assaggiare virtualmente i tuoi involtini decisamente intriganti!

  5. BUON COMPLEANNO ITALIA! Proprio in occasione dei festeggiamenti dell'Unità d'Italia, Ballarini e il blog Farina, lievito e fantasia hanno indetto un fantastico contest "150 anni in tavola". Si potrà partecipare con ricette tipiche delle proprio regioni e in palio ci sono dei bellissimi prodotti della linea Titanio della Ballarini.
    Corri a leggere il regolamento. Ti aspettiamo! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

  6. Matteo : grazie, non sai quanto mi facciano piacere le tue parole !! Io adoro il baccalà. è una vera ispirazione per me !!

    Manuela e Silvia : grazie infinite. Non ho mai provato a farla al forno. Grazie per il consiglio, avrò un nuovo modo per cucinarla anche io (purtroppo la funzione crisp ha ancora molti segreti per me …).

    Lady B. : grazie tantissime. Si vede quando mi sento un pò ispirata …

    /Alessandro : grazie. Sul serio non ci sono i carciofi ?? E io che pensavo si trovassero ovunque … quante cose si danno sempre scontante ….Comunque potresti usare solo patate e baccalà, i sapori sono ugualmente buoni !!

    matrioskadventures : avrei anche un'altra ricetta con la fillo, ora controllo subito !!!

    sara b. : ma certamente, sei assolutamente la benvenuta !!

    Le ricette dellìAmore Vero : grazie Dada per avermi avvertito. Corro a vedere !!

    UnaZebrApois : io la trovo sia nel banco frigo che in quello dei surgelati (dipende dal super, io la trovo sempre nella grande distribuzione). Spero la trovi al più presto, è davvero deliziosa !!

    Ramona : grazie per avermi avvertito !!

    donna : grazie mille. Hai ragione, vale lo sforzo !!

  7. Un bell'accostamento, davvero! la pasta phillo l'ho sempre e solo mangiata al ristorante greco, la preferisco cotta al forno anzichè fritta, ma se la preparerò la farò in quest'ultimo modo perchè in famiglia piace di più!
    A presto, ti seguo.
    Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *