Crocchette di fave con trota marinata e crema di ricotta

Da quando ho scoperto le fave, sono diventate la mia passione, soprattutto da quando ho capito che l’amaro che non mi piaceva era dato dalla pellicina, che andava eliminata.
Quelle fresche non sono ancora disponibili, e quindi uso quelle secche, che trovo ugualmente straordinarie (se non di più).
Questa volta ho preparato queste crocchette morbidissime, che possono essere servite come aperitivo in piccole dosi o come antipasto in dosi più “importanti”. E le ho accompagnate ad una trota salmonata marinata, in alternativa al “solito” salmone. E ad una crema di ricotta di pecora.
Per me è un piatto che sa di primavera, ed è perfetto per il mio prossimo pranzo di Pasqua.
E con questa ricetta partecipo al contest di Donatella ed Esperya sulle ricette pasquali. Ma fate in fretta perchè la scadenza è il 19 di Marzo.

Ingredienti per 2 persone : 70 gr. fave secche – 1 spicchio di aglio – 20 gr. porro – 1 foglia di menta – 1 rametto di timo – sale – pepe – pepe Cayenna – farina 00 per impanare – 40 gr. ricotta di pecora setacciata – olio di semi di arachide per friggere – olio aromatizzato alle erbe
Per accompagnare : 60 gr. ricotta di pecora setacciata – latte q.b. – sale – un pizzico di pepe del Bengala macinato
Per la trota marinata : 1 filetto di trota salmonata già pulita dalle lische, ma con la pelle (150 gr.) – 35 gr. zucchero semolato – 40 gr. sale grosso – erbe aromatiche (prezzemolo,timo, aneto) 1 cucchiaio – 1 pepe bengala – buccia di limone a filetti

Procedimento
Ammollate le fave per una notte in acqua fredda.
Il giorno seguente, tritate finemente il porro e rosolatelo molto dolcemente per 10 minuti in un filo di olio aromatizzato (o con olio e uno spicchio di aglio in camicia, che poi eliminerete). Quindi unite le fave scolate, coprite con acqua calda e portate a cottura (circa 1 ora). Al termine regolate di sale, pepe e Cayenna. Passate il comsposto al setaccio. Setacciate anche la ricotta. Unite i due composti e profumate con un pizzico di timo e menta tritati (1 rametto e 1 foglia). Mettete in una ciotola strofinata di aglio e fate insaporire sino al momento dell’utilizzo. Ricavate dal composto delle nocine, passatele nella farina e friggetele in abbondante olio caldo. Scolatele su carta assorbente e servitele con la trota a filetti e la salsa di ricotta, dopo averle leggermente salate.

Per la trota : mettete i filetti di trota con la pelle verso il basso, in una teglietta. Coprite la parte con il taglio con lo zucchero amalgamato al sale, pepe spezzettato, la buccia di limone e le erbe aromatiche e lasciate riposare in frigorifero per 4 ore, coperto con pellicola trasparente.
Trascorso questo tempo, pulite i filetti dal sale e dalle spezie con carta assorbente, asciugateli, oliateli, insaporiteli con pepe, buccia di limone a filetti (che eliminerete prima di servire) e copriteli con pellicola. Riponeteli in frigorifero sino al momento dell’utilizzo.

Per la salsina : insaporite la ricotta setacciata con il sale e il pepe. Allungatela con qualche cucchiaio di latte, così da ottenere una crema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.