Spaghettoni alla frutta secca … e non chiamatele semplici briciole

Oggi vi racconto quello che ho preparato ieri sera. Innazitutto ho passato una bella serata romantica con il mio maritino, che ha apprezzato particolarmente questi spaghetti, che sono strettamente imparentati con i ben più noti pici con le briciole.
Ed i tradizionalisti arricceranno pure il naso .. ma il piatto si ispira soltanto .. ed in definitiva è un’altra cosa !!!
Li ho fatti in versione un pò più leggera (in termini di digeribilità, quindi niente aglio soffritto … che sarà pur buono, ma tende ad essere poco digeribile per me).
Perciò, a scanso di equivoci, di solito agisco con grandi strofinate o utilizzo in camicia. Ma in questo piatto avevo bisogno di un sapore un pò più importante : pochi ingredienti, ma quelli che ci sono, si devono sentire.
E così ho utilizzato la tecnica dell’olio aromatizzato. La prima volta che l’ho usato, dopo averlo letto sul libro Gusto e Armonia – Aimo e Nadia, me ne sono innamorata e da allora lo uso spesso (in più varianti di sapore) come base saporosa per i condimenti della pasta. In questo modo, quando si mangia il piatto, si percepisce in modo spiccato aroma e sapore di aglio (nonchè il piccante del peperoncino). Ma poi svaniscono e lasciano il palato pulito e pronto per il resto !!!
Che dire ….sono spagnetti con briciole di pane al farro e frutta secca. Resi ancora più saporiti dalla colatura (che sapete amo molto) e profumati dalle erbe aromatiche e dalla buccia di limone.
Semplicissimi .. veri e saporitissimi !!! La felicità in un piatto ….

INGREDIENTI (per 2 persone)

: 150 gr. spaghettoni, 20 gr. noci e nocciole tostate e tritate grossonalamente, 15 gr. briciole di pane secco (meglio se di farro .. poi spiego come farle), aglio, 1 cucchiaio di colatura di alici, olio e.v.o., sale, 1 peperoncino di Cayenna, pepe nero, 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato, buccia di limone non trattato, timo e finocchietto, prezzemolo tritato
PROCEDIMENTO
Versate 4 cucchiai di olio in un pentolino con 1/2 spicchio d’aglio, 1 rametto di timo, 1 di finocchietto, 1 peperoncino spezzato a metà, 1 pezzetto di buccia di limone ed 1 grano di pepe nero. Mettetelo sul fuoco a fiamma bassa e tenetecelo fino a quando inizierà leggermente a fremere (e vicino ad un rametto si formeranno le prime bollicine). Versatelo in una tazza con tutti gli aromi, fatelo raffreddare, coprite e lasciate aromatizzare fino al giorno successivo. Il giorno seguente filtrate l’olio, che è così pronto.
Tostate le fette di pane in forno, mettendole su un foglio di carta forno strofinato di aglio. Fatele raffreddare prima di metterle (sbriciolate grossolanamente) in una ciotola precedentemente strofinata (ancora !!) di aglio con le foglie di un rametto di timo e un pizzico di prezzemolo tritato.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo mettete 2 cucchiai di olio aromatizzato in una grande padella, unitevi la colatura e qualche cucchiaio di cottura della pasta. Scolate la pasta al dente e passatela nella padella con l’olio aromatizzato. Mescolate la frutta secca alle briciole di pane tostato, ed insaporite con un pizzichino di buccia di limone. Per mantecare, unitevi il trito secco, un cucchiaio di fomaggio (va benissimo anche un pecorino siciliano) e pepe nero macinato al momento.

Rifinite con un giro d’olio (magari Moraiolo) e servite, se volete, con un bel bicchiere di Nero d’Avola passato solo in acciaio.
Una vera goduria !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.