Ravioli di asparagi salsati allo zafferano

Non sono scappata … e non sono neppure tornata in ferie (anche se un pensierino l’ho fatto). E’ solo che quando si torna al lavoro, anche il sistema immunitario deve riprendere. Ed il mio a quanto pare era ancora assente. C0sì non mi sono fatta mancare un bel virusino.
Una volta passata la nausea, tornate un pò le forze e sistemato lo stomaco sono ritornata con le mie solite passioni, e ai miei soliti lavori (lavare le tende, stirare … rassettare … mancano solo i vetri !!). Ma per evitare svenimenti casalinghi è meglio aspettare un poco e non esagerare (tutte scuse per fare quello che mi piace e tralasciare le cose noiose e faticose).
Comunque, visto che sono appena stata convalescente, ho voluto farmi una coccola : un piatto che mi ricorda l’infanzia e la mia mamma. Lei mi preparava ogni tanto questo piatto, soprattutto quando mio padre era via a mangiare, perchè era uno dei miei piatti preferiti.
In ogni caso, questo piatto mi ricorda quei momenti di condivisione, quando decidevamo cosa farci da mangiare, ed insieme sapevamo già la risposta !!
E quindi scusate il mio andare fuori stagione con un prodotto che non è propriamente estivo. Ma quando si stà male … non viene anche a voi voglia di mamma ???


Ingredienti per 2 persone
Per la pasta : 80-90 gr. farina bianca – 20 gr. semola di grano duro – 1 uovo – 1 tuorlo – 1 cucchiaino olio e.v.o. – sale
Per il ripieno : 8 asparagi verdi – 50 gr. ricotta vaccina – 2 cucchiai Parmigiano grattugiato – noce moscata – sale – pepe bianco – olio e.v.o.
Per il condimento : 10 pistilli di zafferano sardo – panna fresca – olio e.v.o.

Procedimento
Preparate la pasta : setacciate le farine e fate una fontana. Versatevi al centro le uova, il sale e l’olio. Amalgamate inizialmente con una forchetta e poi con le mani, sino ad avere un impasto abbastanza morbido ma consistente, aggiundendo ovviamente altra farina se occorre. A me piace mettere sempre un pò di semola negli impasti per la pasta all’uovo, perchè la rende un pò più resistente e consistente. E i ravioli non si rompono !!!
Fatela riposare in frigorifero avvolta con pellicola trasparente per almeno 3 ore.
Per il ripieno : lessate al vapore gli asparagi, avendo la cura di tenere da parte 3-4 punte, che serviranno per la decorazione finale del piatto.Quando saranno belli teneri, toglieteli dal fuoco e frullateli in un mixer con la ricotta, il formaggio grattugiato ed una grattatina di noce moscata. Alla fine regolate anche di sale e pepe bianco macinato al momento.
Tirate la sfoglia a strisce e ritagliate dei rettangoli; fate dei mucchietti di ripieno con un cucchiaino (o se siete virtuosi, con una sac a poche) per ogni rettangolo.
Richiudete bene e sigillate i ravioli (fate sempre attenzione a far uscire l’aria, altrimenti in cottura la pasta si romperà).
Per il condimento : tostate i pistilli di zafferano sul coperchio della pentola dove scaldate l’acqua per bollire la pasta. Quando si sono un pò tostati, metteteli su un foglietto di carta forno, ripiegatelo e tritateli con un cucchiaino. In un padellino scaldate la panna, fate un poco ridurre, aggiungete lo zafferano, fatelo sciogliere, aggiustate di sale e togliete dal fuoco.
Lessate i ravioli in abbondante acqua salata, scolateli e metteteli in una zuppiera. Conditeli con un filo di olio (non troppo forte, va bene il Garda Dop o simili), perchè non si attacchino. Disponeteli nei piatti, irrorateli con la salsa e rifinite con le punte di asparago (saltate velocemente in un padellino con un filo d’olio (precedentemente aromatizzato con lo scalogno) e fiori di sale).
E questo è il risultato. Un saluto a tutti !!!!

P.S. : ovviamente si possono passare i ravioli direttamente nella salsa, come faceva mia mamma.
P.P.S. : l’olio allo scalogno si ottiene semplicemente facendo soffriggere dolcemente per pochi minuti lo scalogno nell’olio e poi filtrandolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.