I primi tartufi … di cioccolato, nocciole e Bayles

E’ uffialmente arrivato l’autunno, o almeno così dice il calendario. E quindi si dà il via alla stagione di funghi e tartufi.
Presa da quest’aria autunnale, che è temporaneamente solo nella mia testa e (ripeto) sul calendario, ecco i primi tartufi della stagione.
E sono quelli dolci, CIOCCOLATOSI .. intensi .. che in comune con il tartufo bianco d’Alba (che identifica la varietà, non la provenienza), hanno solo la vena piemontese (perchè sono con le nocciole).
In attesa del pregiato tubero, mi sono goduta questa vera (ed economica) golosità !!!
E queste ciliegie, per quanto splendide ed invitanti, non provate a mangiarle : sono di marmo !!!

Ingredienti : 180 gr. cioccolato fondente (consiglio dal 60 al 70%) – 2 cucchiai di crema al whisky – 40 gr. burro – 50 gr. zucchero a velo – 50 gr. nocciole tostate e tritate. – cacao amaro per “impolverarle”
Procedimento
Sgusciate delle nocciole. Fatele tostare 10 minuti in forno a 180°. Sfregatele per eliminare tutta la pellicina che si stacca e poi pesatene 50 gr. Tritatele finemente (va bene il mixer).
In una ciotola a bagnomaria, sciogliete il cioccolato fatto a pezzi con il burro e la crema al whisky. Mescolando sempre .. e fate attenzione a non surriscaldarlo …. (questo più che altro è un nota bene per me).
Quando è tutto fuso ed omogeneo, allontanate la ciotola dal bagnomaria ed aggiungetevi lo zucchero a velo e le nocciole tritate. Amalgamate bene. Fate raffreddare il composto (anche in frigorifero .. basta che sia un luogo fresco).
Quindi ricavate delle palline, modellandole con le mani (il composto, tirato fuori dal frigorifero è un pò duretto, ma modellandolo con le mani si scalda subito e diventa malleabile). Passatele nel cacao.
Et voilà .. conservati in frigorifero durano 2 settimane .. se ci arrivano.
Per consumarli, consiglio di tirarli fuori dal frigorifero qualche minuto prima, così che non siano troppo freddi o duri .. ma intanto sono sempre buoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.