Involtini di melanzane con salsa all’nduja

Le temperature sono estive, non è proprio la stagione dei piatti “nutrienti”, ma quando in frigorifero c’è una ‘nduja, non ci si trattiene ..
Magari non si cucina una ricetta tradizionale, forse si preferisce un piatto un pò più fresco e leggero, ma lei rimane la protagonista, attorno alla quale gira tutto !!
E allora ecco un piatto, fatto apposta per lei !!
Ingredienti per 2 persone :
Ingredienti per gli involtini : 1 melanzana – 1/2 cipollotto di Tropea – 100 gr. ricotta di bufala -buccia di limone grattugiata – timo – sale
Ingredienti per la salsa : 200 gr. pomodori del Piennolo – 1 spicchio aglio – olio e.v.o. – 2 foglie di basilico – 30 gr. ‘nduja – sale – 1 pizzico zucchero
Ingredienti per l’aria di aglio (o la salsa) : latte – 2 spicchi aglio – una punta di cucchiaino di lecitina di soia – vaniglia (potete fare anche una salsina senza usare la lecitina di soia)
Per rifinire : olio e.v.o. – Parmigiano Reggiano – fettine di baguette

Procedimento
Tagliate a fette sottili le melanzane, nel senso della lunghezza. Mettetele sotto sale in modo da eliminare l’amaro. Trascorsa mezz’ora, ripulitele dal sale e cuocetele su una griglia. Tenetele da parte.
Tagliate a fette sottili anche il cipollotto e grigliate anch’esso (salatelo leggermente).
Setacciate la ricotta. Unitevi il cipollotto grigliato, un pò di buccia di limone e qualche fogliolina di timo.
Per l’aria di aglio : spellate gli spicchi di aglio, eliminate l’anima centrale e metteteli in un pentolino con il latte. Portate a bollore. Una volta raggiunto, scolateli e ripetete l’operazione per altre 2 volte. Quindi rimettete l’aglio in un pentolino, coprite di acqua e cuocete per altri 20 minuti. Al termine, frullate gli spicchi (allungando con tanta acqua di cottura quanta ne occorre a ottenere una salsina liquida).Salate leggermente. Poi prendete un pezzetto di bacca di vaniglia, raschiatelo internamente con una forchettina ed aggiungete un pò di semini alla salsa d’aglio. Assaggiate per regolare l’equilibrio dei 2 sapori.
Preparate la salsa : scaldate un filo d’olio in una pentola. Rosolatevi l’aglio in camicia. Quindi aggiungete la ‘nduja e successivamente il pomodoro. Cuocete per 20 minuti. Quindi unite le foglie di basilico spezzettate con le mani, spegnete il fuoco ed eliminate l’aglio.
Al momento di servire, farcite le fette di melanzane con il composto di ricotta. Arrotolatele e disponetele in una teglia leggermente unta di olio.Spolverizzate con scaglie di Parmigiano e passate in forno caldo a 180° per 10 minuti.
Nel frattempo scaldate la salsa di pomodoro.
Preparate l’aria di aglio : sciogliete la lecitina di soia nel liquido di aglio e montate con un mixer a immersione in modo da incorporare più aria possibile.

Se non vi venisse (ogni tanto i pasticci succedono in cucina, e se non si incorpora abbastanza aria, le bollicine non vengono) o foste contrari a queste stranezze, potete realizzare questa salsina di aglio senza aggiungere la lecitina di soia. E potete spalmare questa salsina sugli involtini con un pennellino prima di metterli inforno, in modo da avere comunque un aroma che completa l’equilibrio delpiatto.
E’ ora di impiattare : versate la salsa di pomodoro in ogni piatto. Disponetevi sopra gli involtini di melanzana. Irrorate con un filo di olio e decorate ogni involtino di melanzana con un pò di aria di aglio.
E accompagnate con delle fettine di pane tagliate sottili e tostate in forno.

Penso possa essere interessante anche farcire le melanzane con della mozzarella al posto della ricotta.

N.B. : la prima volta che ho provato l’esperienza di aglio + vaniglia è stato al Ristorante “Il Canto” di Siena, in un piatto dello Chef Lopriore (mi pare si chiamasse Royale di aglio, una sorta di crema bruciata all’aglio con vaniglia e pistacchi, per capirci).Una delle cose più buone che abbia mai asseggiato.
Sembravano 2 sapori nati per stare assieme. Ma è importante che l’aglio sia dolce e la preparazione sia in qualche modo “pannosa”..

Come vino, mi berrei un bel rosato. O una birra ale belga chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.